Ana Tzarev: the life of flowers

Ana Tzarev Monaco studio September 2011

Colori accesi e forti per emozioni rilassanti e ambienti verosimili. Pennellate minuziose e decise per descrivere e narrare il fascino fiabesco dei fiori. Ecco in cosa consiste lo stile di Anna Tzarev, “ l’ artista dei fiori”.

Saranno proprio le sue opere a costituire il nerbo della mostra che avrà luogo presso il Museo di Palazzo Venezia a Roma, per la precisione nella Sala dell’ Antico Refettorio, luogo in cui avverrà l’ inaugurazione da parte di Daniela Porro, Dirigente Speciale per il Patrimonio Storico-Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma. “Anna Tzarev: the life of flowers”, questo il nome ufficiale dell’ iniziativa, partirà martedì 15 Gennaio per poi concludersi esattamente il mese seguente, venerdì 15 Febbraio 2013. L’ ingresso è gratuito.

Negli ultimi anni la Tzarev ha esposto i suoi lavori in occasione di diverse mostre internazionali (figurano tra le sue esperienze Londra, Pechino, e New York). Il curatore della mostra, Marco Tonelli, ha fatto alcune osservazioni sullo stile della Tzarev. I soggetti di quest’ ultima sarebbero da individuare in una corrente artistica tipica del XX secolo, la quale troverebbe il suo fulcro vitale nelle ninfee di Monet, nei fiori futuristi di Balla, in quelli intimisti di De Pisis, nei vasi floreali di Buffet, in quelli aridi di Mafai o verdeggianti di O’Kleefe, per poi arrivare a quelli carichi di morte di Warhol.

A detta di un importante critico russo, Alexandr Borovsky, Ana Tzarev avrebbe captato immediatamente la capacità di dipingere con stile energico e gestuale, uno stile non molto differente da quello tipico dei post-impressionisti. L’ obiettivo principale dell’ artista starebbe nell’ acquisizione e nella padronanza dei segnali della natura.

Redazione

La redazione di IrisArte è costituita da appassionati di storia dell'arte, scultura, pittura, fotografia, musica, poesia e tutto quello che può essere racchiuso nella parola cultura. Fieri di vedere il mondo da una prospettiva che in pochi sanno apprezzare.

More Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto × = 40

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>